MAGIX
NEWS A 360°
RITORNA ALL’ELENCO DELLE NEWS RITORNA ALL’ELENCO DELLE NEWS
ROBERTO PERETTI NUOVO PRESIDENTE DELL’ACQUEDOTTO DELLA PIANA
Nuova    avventura    politica    e    amministrativa    per    Roberto    Peretti,    ex    sindaco    di    Villanova    e    poi capogruppo   di   minoranza   in   Provincia:   da   mercoledì   scorso,   30   luglio,   è   infatti   il   nuovo   presidente dell'Acquedotto   della   Piana,   ente   che   riunisce   18   comuni   del   nord   ovest   astigiano,   da   Villanova   d'Asti   a Antignano,      Buttigliera   d'Asti,   Cantarana,   Cellarengo,   Celle   Enomondo,   Cisterna   d'Asti,   Dusino   San Michele,   Ferrere,   Monale,   Montafia,   Revigliasco   d'Asti,   San   Damiano   d'Asti,   San   Martino   Alfieri,   San Paolo   Solbrito,   Tigliole,   Valfenera   e   Villafranca   d'Asti.   Subentra   ad   Antonio   Tamagnone,   in   carica   per 12   anni,   autore   di   un   grandissimo   sviluppo   complessivo   della   rete   e   dei   servizi   idrici   gestiti   da   questo ente,   passato   proprio   con   la   sua   presidenza   dai   sei   comuni   fondatori   agli   attuali   18.   Con   lui   è   stato completamente   rinnovato   anche   l'intero   Consiglio   di   Amministrazione,   ora   composto   anche   da   Giorgio Balbo,    ingegnere    meccanico,    designato    dal    comune    di    San    Paolo    Solbrito,    Michele    Ruella, elettrotecnico   già   sindaco   di   San   Martino   Alfieri,   designato   da   quello   stesso   comune,   Gianluca   Sorba ingegnere   ambiente   e   territorio,   designato   da   San   Damiano   e   Monica   Stella,   laureata   in   gestione   di risorse    umane,    designata    da    Villafranca    d'Asti.    "    Sono    riconoscente    nei    confronti    del    Presidente uscente   Antonio   Tamagnone   e   dei   suoi   collaboratori   per   il   servizio   qualificato   sin   qui   svolto-   ha dichiarato    il    neo    presidente-    e    sono    altresì        grato    ai    18    Sindaci    per    la    fiducia    accordatami:    , l'unanimità   gratifica   ma   responsabilizza   ancora   di   più;   le   aspettative   di   soci   e   utenti   sono   tantissime,   le difficoltà    molte,    ma    garantisco    che    mi    impegnerò    come    sempre    con    il    massimo    impegno."      L'Acquedotto   della   Piana   conta   11   dipendenti   e   il   bilancio   2013   ha   quadrato   su   un   totale   di   11.124.184 euro   con   un   utile   netto   di   4.737   euro.   Sempre   nel   2013   l'ente   ha   erogato   in   totale   2.526.195   metri   cubi d'acqua.   Numerosi   gli   investimenti   portati   avanti   negli   ultimi   anni   per   garantire   un   servizio   giudicato   da molti   fra   i   migliori   dell'intero   astigiano,   sia   in   termini   di   qualità   che   di   tariffe   applicate   agli   utenti.   Il Piano   investimenti   per   il   triennio   2014-2017   ammonta   a   5.290.550,56   euro,   mentre   sul   lungo   termine, periodo   2018-2030   sono   già   previsti   investimenti   per   oltre   12   milioni   di   euro.   Peretti   parte   con   le   idee chiare   già   dopo   il   primo   CdA   tenutosi   venerdì   1   agosto:   " Per   il   momento   i   vari   componenti   del   CdA hanno   preferito   lasciare   al   presidente   carta   bianca,   in   attesa   di   prendere   visione   di   tutto   quanto riguarda   la   gestione   dell'ente.   E'   chiaro   che   a   seguire   sarà   valutata   una   ripartizione   delle   deleghe   in base   anche   alle   competenze   e   qualifiche   di   ciascun   componente.   Non   potendo   fare   il   presidente   a tempo   pieno,   come   invece   era   nelle   possibilità   del   mio   predecessore,   già   in   pensione,   dovrò   per   forza avvalermi   delle   facoltà   di   legge   di   delega   e   rappresentanza,   al   fine   di   poter   gestire   al   meglio   le   varie incombenze   di   una   rete   di   servizio   che   copre   circa   300   chilometri   quadrati   di   territorio.   Fra   le   prime cose   che   mi   piacerebbe   valutare   anche   con   gli   altri   gestori   degli   acquedotti   astigiani   vi   è   sicuramente la   possibilità   di   andare   ad   unificare   le   gare   per   le   varie   forniture:dall'   energia,   agli   applicativi HW/SW,   ai   laboratori   di   analisi.   Già   così   ritengo   potremmo   avere   tutti   risparmi   significativi.   Esempio: il   costo   dell'energia   per   il   nostro   acquedotto   sfiora   il   milione   di   euro;   una   gara   comune   potrebbe portare ad un risparmio minimo del 10% ossia 90.000 euro che verrebbero liberati per investimenti.'